lunedì 18 aprile 2016

Seguendo linee immaginarie

Una delle cose che mi piace di più fare quando lavoro il metallo è lasciare andare le mani, usare quelle tecniche che non danno mai due volte lo stesso risultato, applicarmi su un pezzo in cui riesco a concentrare tutta la libertà possibile insieme a tutto lo sforzo di arrivare a un risultato preciso. Potrebbe sembrare che queste due cose siano in antitesi, ma non è così. In un pezzo come quello che vi mostro oggi, in cui il rame lavorato a foldforming è come cesellato (la tecnica si chiama proprio chasing on air), c'è insieme la libertà assoluta e la disciplina assoluta. L'armonia nasce dall'equilibrio di queste due forze. 

collana in rame e argento con diaspro incastonato
Certo, poi la disciplina si traduce anche nella catena completamente realizzata a mano (anellino per anellino, sì...) e nell'incastonatura del bel diaspro verde scuro che completa il centrale di questa collana, tenuto da leggere griffe in argento. La disciplina è nel paziente lavoro di pulizia e rifinitura di ogni particolare. Ma la sensazione di creare davvero qualcosa dal nulla ce l'hai impugnando il martello, seguendo linee immaginarie, rialzandole con ogni colpo, definendole una ad una, e alla fine hai scolpito nel metallo crateri e dune, un paesaggio. Unico, impossibile da replicare.

Collana in rame e argento, diaspro e perla coltivata, foldforming
C_050
Rame, argento, diaspro, perla coltivata



0 commenti:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails