lunedì 1 settembre 2014

Una montatura particolare

Perché va bene l'elemento focale di un pezzo, va bene che sia bello e curato, va bene che sia il più originale possibile, ma se poi è montato in maniera banale per me viene vanificato tutto il lavoro per realizzarlo. Ecco perché ci sono delle volte che prima di montare un pezzo aspetto tempi eterni. Devo essere convinta che il modo di finirlo lo valorizzi.

Orecchini in rame e argento, foldforming

Questi orecchini sono lavorati a foldforming, in una delle forme che ho studiato lo scorso anno e che mi piacciono di più perché sono meno ovvie e meno viste di tutte le altre. Ma la particolarità sta nella montatura, che come in questo altro esempio, rende l'orecchino unico. Il gancio in argento è saldato e la curva che fa è molto stretta per portare il pezzo molto vicino al lobo.

Orecchini lavorati a foldforming, rame e argento 925

Il gancio continua a scendere sul davanti, dando l'impressione di un fiore col suo stelo. La difficoltà nel fare percepire questi pezzi solo con le foto è notevole, ma in questo caso lo è anche esporli.
Sto preparando il prossimo mercatino (a breve vi darò tutte le notizie!!) e devo dire che per molti dei miei pezzi ho questo problema... Devono essere presi in mano, guardati da tutte le angolazioni e poi soprattutto indossati. Ed esporli in modo che colpiscano l'attenzione è davvero difficile.

Orecchini rame, argento 925, foldforming

O_120
Rame, argento .925, foldforming




martedì 26 agosto 2014

Un semplice anello

Mentre lavoravo ai campioni da portare al primo workshop interamente dedicato alla realizzazione di anelli mi è venuta voglia di utilizzare una lastrina di uno spessore un po' più importante di quelle che uso di solito. Per gli anelli gli spessori dai 6 decimi in poi sono perfetti perché tengono molto bene la forma permettendo di creare anche semplicissime fasce lisce, saldate o no dipende dal gusto e dalle competenze di ognuno.

Anello a fascia in rame con pietra di luna

Ho tagliato una striscia di rame e l'ho semplicemente avvolta sul mandrino per realizzare la misura desiderata poi, non volendola lasciare proprio senza alcuna decorazione, ho cominciato a martellare leggermente il bordo. Dato lo spessore, queste martellate hanno creato una texture sul bordo e allo stesso tempo hanno anche creato delle leggere increspature sulla fascia, come fosse un nastro.
La decorazione dell'anello non potrebbe essere più semplice ma allo stesso tempo non semplicissima da realizzare: ho avvolto la parte terminale della fascia creando un tubicino e alle due estremità ho inserito due piccole rondelle di pietra di luna.

Anello con pietra di luna e rame forgiato

Le pietre sono tenute ferme dalla tensione del filo di rame che le attraversa. Non è stato facile realizzare questa costruzione perché queste rondelle hanno un foro piccolissimo. Ma alla fine il risultato, nella sua estrema pulizia e semplicità, è proprio come piace a me.


A_028
Rame e pietra di luna


mercoledì 20 agosto 2014

Forgiando coppette

La forgiatura mi piace moltissimo. Forse perché è un lavoro lungo e molto fisico, un lavoro in cui puoi sfogare le energie e lasciare andare i pensieri. Forse anche perché nel pezzo finito posso vedere la fatica che ho fatto e tutto ciò che mi fa amare il metallo: il movimento, la capacità di cambiare forma e dimensione.

Orecchini in rame forgiato a coppetta e argento 925

E ogni tanto forgio coppette per esercizio. Amo le forme cave, l'idea che possano contenere anche se sono vuote, lo spazio all'interno, le ombre. Queste coppette sono diverse dalle altre che ho realizzato, quasi sempre piuttosto tondeggianti,  perché ho dato loro una forma ovale.

Orecchini in rame e argento 925, forgiati a mano

Quando le ho finite ho visto subito come le avrei montate: in orizzontale, aggiungendo solo un gancio rigido e allungato in argento .925 fermato da un punto di saldatura.

Orecchini in rame e argento 925, forgiati a mano

O_130
Rame forgiato, argento .925



martedì 5 agosto 2014

Anello in argento riciclato

Forse vi avevo già accennato che molto dell'argento che sto lavorando da quando mi sono lanciata con questo materiale è argento riciclato. Da una parte amo recuperare tutto quello che mi è possibile e nel lavoro cerco di farlo sempre: conservo pezzetti di filo, scarti di ogni genere, dai quali poi attingo spesso quando mi manca l'ispirazione. Dall'altra c'è il costo elevato dei materiali preziosi e il fatto che mi ritrovavo in casa un po' di quei regali inutili, di quelle bomboniere che finiscono in fondo ad un cassetto... Unire le due cose e riutilizzare in modo creativo il materiale che ho già è una delle sfide che mi appassionano di più. 

Anello in argento 800 di recupero e rame fuso

Questo anello è proprio un inno al recupero in ogni senso: qui sia l'argento che il rame sono completamente riciclati. L'argento .800 non è facile da lavorare, molto più rigido rispetto all'argento .925, ma fonde abbastanza facilmente ed è facile da reticolare mantenendo un buon controllo sul risultato finale. La coppetta che ho realizzato per questo anello è stata reticolata, e poi ho saldato all'interno una piccola fusione di scarti di rame.

Anello a fascia in materiali di recupero: argento e rame

La fascia è stata realizzata con un pezzo di scarto, rispettandone il più possibile la forma per non sprecare materiale prezioso. Ed è regolabile come vedete, ma il fatto che sia aperta da un lato è stata anche una scelta estetica oltre che pratica. 



A_027
Argento .800, rame



lunedì 28 luglio 2014

Rame incastonato

La prima cosa a cui si pensa se si parla di incastonare è ad una bella pietra. E' la cosa più ovvia, anche se in realtà le possibilità sono molte di più, tante quanti sono i materiali che è possibile utilizzare insieme al metallo. E se ad essere incastonato fosse il metallo stesso?
Due piccoli scarti di rame, la fiamma che li porta quasi a fondersi, e la superficie si riempie di grinze e movimento. E poi ancora la fiamma a colorare di rosso queste due coppette. Sono perfette per diventare il punto focale di un gioiello, anche se non hanno la nobiltà di un paio di pietre, anche se non sono intrinsecamente preziose, lo sono per me, per quello che io ci vedo: per il colore, per l'unicità della texture, per quello che mi trasmettono.

Incastonatura a griffe in argento per orecchini

L'incastonatura perfetta è quella a giorno, leggera ma allo stesso tempo preziosa perché realizzata in argento 925. Quattro piccole griffe, e quegli omini che vedete nella foto abbracceranno i "cabochon" di rame.

Orecchini con rame incastonato, patina rossa e argento 925

Un paio di orecchini che sono semplici e molto leggeri pur avendo una costruzione interessante. Il colore intenso della patina rossa sul rame è bilanciato dalla luminosità dell'argento con il quale ho realizzato anche tutto il resto dell'orecchino. Anche nel link che fa da aggancio alla monachella ho voluto mantenere un aspetto pulito grazie alla saldatura dell'anellino.

Incastonatura a giorno in argento 925 su rame con patina

O_133
Rame reticolato, patina rossa, argento 925





mercoledì 23 luglio 2014

Maglia in Italiano: Natascia Sartini

Questo post nasce da diverse coincidenze di quest'ultimo periodo. La prima è che si è risvegliato il mio bisogno di lavorare a maglia. Insieme al camminare è uno dei modi con cui tengo a bada la mia ansia e i periodi un po' bui. Lavorare a maglia rilassa, mi aiuta a stare meglio. E riprendendo in mano il lavoro abbandonato quest'inverno (che a dire la verità non mi convinceva per niente) ho deciso che era tempo di ammettere il mio errore: quel modello era del tutto sbagliato per il filato che stavo usando. E dunque, nell'impeto di cominciare subito qualcosa che mi permettesse di rimediare e non lasciare ancora il lavoro a metà come al solito, mi sono ricordata di uno dei miei modelli preferiti, il Francis revisited, di cui vi avevo parlato tempo fa. E quindi sono arrivata a lei, che lo aveva tradotto egregiamente in italiano.
Lei è una bravissima designer italiana, Natascia Sartini che, guarda caso (seconda coincidenza), ha appena pubblicato un bellissimo modello originale che è anche stato nella top ten di Ravelry!

Foto tratta da {MoltoMaglia} di Natascia Sartini

Sogno di una notte di Mezza Estate è uno scialle a mezzaluna, lavorato partendo dal bordo traforato e completato usando la tecnica dei ferri accorciati (short rows). Certo, bisogna dire che si devono mettere su ben 415 punti... ma ne vale la pena per realizzare qualcosa di così bello! Lo schema del bordo  lace è solo grafico, e le istruzioni potrete trovarle sia in italiano che in inglese, scaricabili gratuitamente fino alla fine di luglio da Crowdknitting (previa registrazione gratuita).
Già scaricato e aggiunto ai miei modelli preferiti!

Trovate Natascia sul suo blog e anche su:
Ravelry
Collettivo Maglia 198



lunedì 21 luglio 2014

Ottone e ametista, piccole gocce

La scorsa settimana ho pubblicato su Facebook una foto che, inaspettatamente, ha riscosso tantissimo interesse. Era una delle mie solite foto dei lavori in progress, stavo cercando di completare un lavoro iniziato ormai non so più quanto tempo fa, e così ho scattato una foto a quello che avevo davanti a me: un paio di gocce in ottone similoro, qualche perla e rondella di ametista, due pezzetti di filo d'argento.

Orecchini in ottone similoro con pietre di ametista e argento 925

Che sono diventate questi piccoli orecchini. Il gancio in argento è saldato sul retro del pezzo in ottone, la perla e la rondella di ametista, di sfumature diverse, sono semplicemente rivettate alla base.
Era tanto che non usavo il mio colore preferito, sentivo la mancanza di qualcosa di viola. E l'accostamento del colore caldo dell'ottone similoro e dell'argento mi piace sempre di più.

Orecchini in ottone similoro, argento e ametista

Sono davvero una cosa molto semplice, ma il risultato mi piace tanto, anche per il tocco di colore che spesso serve ma volevo trovare il modo di rendere delicato e non troppo invasivo.


O_132
Ottone similoro, argento 925, ametista




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails