mercoledì 11 gennaio 2017

Le mani lo sanno

I am not what I am, I am what I do with my hands
Louise Bourgeois

Quando, per qualunque motivo, per un po' di tempo rimango ferma senza lavorare, alla ripresa sono assalita da una specie di panico. Mi capita sempre e in questi giorni lo sto sperimentando per l'ennesima volta.
A parte la fatica che faccio a rimettermi a produrre, sento come se avessi il cervello completamente vuoto. Mi chiedo come facevo a fare quella determinata cosa e la risposta è il nulla! E quell'altra? niente, sembra che la memoria dei processi, dei passaggi, delle tecniche, mi sia stata cancellata.

Imbutire e modellare il rame
Ad un certo punto mi costringo a prendere gli attrezzi e a cominciare. E lì avviene il vero miracolo. Una specie di miracolo, almeno... Se per un attimo smetto di pensare le mani iniziano a fare. Prendono, tagliano, bucano, limano. Misurano centimetri e millimetri con una sapienza che non mi appartiene, e i pezzi prendono forma senza che io ancora consapevolmente sappia come.
Le mani ricordano. Sempre.

Orecchini Black hole in progress



mercoledì 4 gennaio 2017

Un nuovo inizio

And to make an end is to make a beginning. 
The end is where we start from. 
T.S. Eliot

La fine è il punto da cui iniziamo. Da cui a volte ri-cominciamo. 
Prima di rimettersi al lavoro, di decidere che direzione prendere, come prepararsi ad affrontare un nuovo inizio, ti chiedi se hai dato il meglio, se sei contenta di te. Guardi indietro, e per una volta è meno difficile di quanto pensavi. Per una volta sei orgogliosa del coraggio che hai avuto, di aver continuato quando non sapevi come fare, e dove trovare la forza. E la verità sai bene qual'è: sei andata in pezzi e solo quando hai smesso di cercare di rimetterli insieme, di tornare intera, com'eri prima, solo quando hai capito che dovevi fare con quel che restava (cosa, come, non lo sai ancora) hai ricominciato a camminare. 

Branding Beads and Tricks
Ho ri-cominciato da me. Ho rimesso in gioco tutto, ho cercato degli obbiettivi, ho fallito spesso nel perseguirli, non mi sono arresa. Ho cambiato molto, così come questo tempo ha cambiato me, e ancora tanto c'è da cambiare. Ma ho ricominciato da me e dal mio sguardo diverso sulle cose, sulle persone, su me stessa. Ho smesso (spero) di darmi alibi e di darne agli altri. 

Mercatini Beads and Tricks 2016

Così ho lavorato in questo anno passato, con fatica immensa a volte, e ho fatto molte cose di cui sono orgogliosa. Oggetti, relazioni, esperienze preziose. 
E ho continuato a camminare, prima solo con dolore, poi anche e di nuovo con amore. Cammino e l'anima si fa leggera, e riesco ancora a vedere quanta bellezza ci sia intorno a me, quanta meraviglia possa ancora provare, quanto tutta questa vita sappia ancora risuonarmi dentro.

Fotografie Beads and Tricks
Camminando, lavorando, guardando fuori e dentro di me. È passato un anno.
Ho salutato il nuovo sperando. Camminando. Sorridendo. Dicendo grazie.





lunedì 19 dicembre 2016

Natale a Monza, Natale handmade

Ieri ho partecipato al mio ultimo market dell'anno.
Mi sono svegliata e il termometro in Brianza segnava -4°, la galaverna aveva imbiancato ogni cosa e il paesaggio andando a Monza era magico. Ma, tolta la magia, faceva un freddo pazzesco! Lavorare (fare il nostro lavoro: montare il gazebo e il banco, esporre le fatiche dei nostri giorni e notti, rimanere fermi in piedi per tutto il giorno, impacchettare piccoli doni) con il gelo di questi giorni non è facile. Ieri mentre ero ferma dietro al mio banco con le dita congelate, mentre saltellavo per cercare di scaldarmi, pensavo a tutti i colleghi bravi e talentuosi che ho conosciuto in questi anni.

Orecchini Beads and Tricks Natale
Li pensavo come me, dietro ai loro banchetti sparsi per l'Italia, con tutti i loro sogni sistemati in bella posa su un piccolo tavolo, nella speranza che qualcuno si fermi, che il tuo lavoro venga notato, sia scelto, ti ripaghi di tutte le fatiche, del freddo che senti, delle giornate che tutto va storto, del tempo e del lavoro che hai impiegato perché tutto fosse perfetto. 

Anchorgoods
AnchorGoods 
Filipoppy
Filipoppy
Pensavo a chi è deluso da queste giornate così faticose eppure non perde il sorriso. E mi sono ritrovata ancora una volta a ringraziare chi crede in me, chi ieri è venuto e trovarmi per i regali di Natale, chi è venuto ad abbracciarmi, farmi gli auguri e portarmi anche un dono. 

la bellezza profuma di suo
La bellezza profuma di suo

L'albero di Sul filo dell'arte
Pensavo a questo ultimo anno, che mai avrei pensato potesse concludersi così, potendomi guardare allo specchio e sentirmi fiera di me stessa, di come mi sono rimessa in piedi quando pensavo di non farcela, di come ho cercato di sfidare le mie paure, e i miei limiti. Non sempre ci sono riuscita ma posso migliorare. Posso farlo e proverò a farlo, ogni giorno che avrò per provarci. 

Grazie a ognuno di voi per esserci, vi auguro gioia, serenità, l'amore e la presenza di chi amate. 



martedì 6 dicembre 2016

Agata, similoro e argento

Quando ho visto per la prima volta questo filo di agata grigia, così trasparente e luminosa, ho subito immaginato una collana. E ho immaginato di accostare ai toni freddi del grigio il dorato dell'ottone similoro. Il risultato è qui, un'alternarsi di rondelle sfaccettate di agata ed elementi in metallo forgiati a mano.

Collana in agata, argento e ottone

Insieme all'ottone ho usato anche l'argento, in una delle due coppette ovali più piccole e nella chiusura a T, la cui forma, seppure vuota, è sempre un ovale. La parte meno facile della costruzione di questo pezzo è stato scegliere il sistema attraverso il quale le pietre si agganciano agli elementi in metallo. Le scelte erano due, e alla fine ho optato per quella che mi sembrava la più semplice (ma lo era solo in teoria!) anche se finché non ho montato la collana ero abbastanza dubbiosa sulla resa finale.

Elementi in metallo forgiati a mano e agata grigia
Per fortuna dopo alcuni tentativi sono riuscita ad ottenere proprio l'effetto che volevo, e di questa collana, così semplice in apparenza, sono proprio contenta. Unisce elementi che amo, in un bell'equilibrio di caldo/freddo e pieno/vuoto.

Girocollo ottone e argento forgiati a mano e agata
C_060
Ottone similoro, argento, agata grigia



mercoledì 23 novembre 2016

Il gioco delle bolle

Per primi un paio di orecchini. Due coppette forgiate a mano, tirate su con pazienza, con all'interno una perla inserita su un perno in argento. Da lì l'idea di realizzare anche una collana, una di quelle rarissime volte in cui disegno l'abbozzo di ciò che immagino: il gioco delle bolle di dimensioni diverse che, unite una all'altra, formano il centrale della collana.

Collana in rame forgiato a mano, argento e perle

Pensavo di avere maggiori difficoltà a saldare tutte le coppette insieme nella posizione corretta, invece è stato relativamente semplice, a parte una saldatura che ho dovuto rifare. Altra incognita era saldare i perni all'interno della coppetta più grande, quando affronto cose come queste non sono mai troppo sicura di me, e infatti la posizione dei perni poteva essere migliore, però funziona tutto! Ultima saldatura, gli anellini a cui agganciare la catenina.

Collana con coppette in rame, argento e perle
Alla fine sono proprio contenta di averla realizzata così, affrontando qualche difficoltà tecnica, che in questo lavoro è il solo modo per imparare e migliorare. Sfido me stessa, ogni tanto, cercando di superare un limite, spesso sbagliando e imparando dai miei errori. 

Questa domenica mi trovate a Monza, in via Bergamo, con questa e altre novità. Dalle 10.30 alle 19.30 al Carrousel Streetmarket, vi aspetto! 


lunedì 14 novembre 2016

Grovigli

Di questi grovigli di cui è fatta la vita, di questi grovigli che tentiamo di dipanare, che si sciolgono improvvisamente. Di cui non ti accorgi, intrecci che ti girano intorno. 
Grovigli di fili impressi sulla superficie del metallo e, improvvisamente, si aprono nuove possibilità. Qui un semplice paio di orecchini, arricchiti dalla perla e dal gancio in argento, ma quanto si presta questa tecnica di texturizzazione a far vivere il metallo... la testa corre ad immaginare segni e percorsi nuovi. 

Orecchini in rame con texture, argento e perla
Perché è già novembre (il tempo passa così velocemente!) ed è già il momento di pensare ai mercatini natalizi, ai vostri regali, alle cose nuove che vi proporrò nei prossimi appuntamenti. 
Il primo già alla fine di questa settimana:


Mi troverete sabato 19 novembre a Milano, in via Conte Rosso con il RedBazar insieme a tantissimi artigiani e artisti bravissimi, nella bella festa de Il Sabato di Lambrate. Non perdetevela, saranno pochi gli appuntamenti in cui mi troverete in giro prima delle feste, approfittate per venire a vedere le novità e a scegliere i vostri regali in anticipo.
Vi aspetto!


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails