venerdì 24 luglio 2009

Liver of sulfur: cos'è e come si usa

No, non c'entra niente col fegato... Si tratta invece di un composto chimico, il solfuro di potassio, utilizzato per anticare e patinare i metalli che contengono rame (argento, il rame stesso, il bronzo, l'ottone) mentre non ha effetti sull'alluminio, sull'oro e sul platino. Premetto che io non l'ho mai usato, ma siccome c'è grande interesse per i metalli in genere e per le tecniche di lavorazione, e il liver of sulfur si trova molto comunemente nei negozi di componenti per bijoux, vi segnalo un documento interessante che ne descrive l'uso.
E un video di Cool Tools che mostra come utilizzare il loro nuovo prodotto, una versione gel del liver of sulfur, più stabile e meno degradabile del prodotto in granuli, ma valido anche per quello.





Da notare che la signora dice verso la fine di buttare via il composto che si ottiene o di usarlo per le piante... Io direi di pensarci bene, perchè il solfuro di potassio è un prodotto tossico, corrosivo e pericoloso per l'ambiente.

Le alternative all'uso del liver of sulfur esistono anche se sono meno pratiche, ovviamente. E non ci crederete ma si tratta delle uova sode! Chiudendo i metalli in una scatola, meglio se a tenuta, con un uovo sodo si formerà una patina nel giro di poco tempo. Certo il risultato sarà meno prevedibile e controllabile di quello ottenuto col composto chimico, ma volete mettere??
Trovate qui qualche indicazione in merito, con consigli naturali per pulire i metalli, e qui ancora sull'uso delle uova.

Grazie a Val per la spinta a scrivere questo post e altri sull'argomento!

21 commenti:

Cialla ha detto...

Sostengo l'utilizzo delle uova!!
Inoltre mi stavo domandando se inalare certe sostanze non faccia male anche a chi le utilizza.
Alessandra

Daniela ha detto...

Sì, io l'ho usato, è facile e funziona molto bene. Dalle informazioni che ho raccolto non sembra tossico, ha un effetto molto rapido sul rame che diventa quasi subito nero, e molto interessante sull'argento (anche silver-plated): con una breve immersione l'argento assume un bel colore dorato che diventa man mano più scuro e intenso per diventare poi rossiccio, bluastro e infine nero. Io lo trovo veramente un prodotto fantastico ...

Sara Pacciarella ha detto...

A me questi intrugli mettono un pò paura...se dovessi provare opterei per le uova.
Che pussa che pussa che pussa!
Mua!
Sara.

terry ha detto...

Colgo l'occaisone di questo post tecnico sui metalli per porre un quesito...qualcuno di voi ha mai provato a saldare i fili di rame argentato????E una cosa che mi interesserebbe molto, ma sinceramente ho provato solo una volta e mi sento un po' impedita....magari qualcuno di voi ne sa di più!
(ps: Ale ho cambiato impostazione dei commenti!)
grassie!
terry

Alessia ha detto...

Cialla, anche io sostengo l'uso delle uova! Assolutamente e sempre (se si può) niente chimica! L'articolo è per precisare e far conoscere meglio questo prodotto che molti possono usare senza conoscerne i rischi e le precauzioni da prendere, ad esempio usare sempre i guanti, perchè il solfuro di potassio è corrosivo...

Daniela, io come ho detto preferisco usare metodi più naturali, se ti va dai un'occhiata a questa scheda dell'ARPA Toscana, dove si evince molto bene che il solfuro di potassio (una delle componenti del Liver of sulfur) è una sostanza pericolosa, che non va dispersa nell'ambiente. Tra l'altro bisogna fare particolare attenzione a che non venga a contatto con acidi perchè allora sviluppa dei vapori tossici, e lo stesso avviene se si mette a contatto con acqua in ebollizione, come viene detto anche nel video.

Sarettina, appena torno l'esperimento delle uova sarà il primo! Pussano sicuramente meno... e non inquinano!

Alessia ha detto...

Terry, tu commentavi mentre io scrivevo le risposte!! Non so praticamente nulla di saldature, ma vedrò cosa posso trovare, e ti faccio sapere, e se nel frattempo qualche anima pia che legge il blog ti può aiutare... Grazieeeee per i commenti, ti voglio bene! Non sai quante volte parto di slancio e poi mi accorgo che devo rifare tutto... grazie mille per aver cambiato tutto per me!

Val_ ha detto...

Grazie a Val?! Beh, ma ti ringrazio io, perchè io non avrei mai avuto la costanza di fare una ricerca così accurata. Io mi accontento di cialtroneggiare, tu hai fatto un lavoro certosino, con fonti e riferimenti etc.
Non vedo l'ora di leggere gli altri post che scriverai su questo argomento, e di vedere gli effetti dell'esperimento all'ovetto sodo! Poi ti seguirò a ruota. :)
Un abbraccio,
valeria

Pulcinsky - my jewelry box ha detto...

Anche io sono per le uova :-)

terry ha detto...

Ale te l'ho detto che siamo tele"simpatiche"!!!ahahah!!
baci terry

La Bohemien ha detto...

Interessantissimo Alessia, appena riompr il filo d'argento cercherò questo prodotto, l'argento anticato mi piace tantissimo!!!!
Grazie sempre per le bellissime cose che ci mostri, ha ragione Bisluzzedda ^^ sei la nostra tuttologa, come faremmo senza di te???

elena fiore ha detto...

Praticamente questo argomento è per me cirillico :-)
...per cui mi limiterò a
"buona sorridente serata!"

Ciaussss

Fata Bislacca ha detto...

Alessia perdono, non ho letto il post ma mi premeva venire ad augurarti la buona notte ed un ottimo inizio per un ancor migliore fine settimana!!! Baciottone bislacco ma affettuoso! Cathy

Arianna ha detto...

Ciao Alessia, ho visto un primo pezzo del film Home che hai consigliato....... che immagini!!
Hai proprio ragione, la terra così non si era mai vista......
Grazie per la segnalazione ;)

Helena ha detto...

Che bello questo post!..certo, non è un gran prodotto se non si vuole trattare con sostanze chimiche ma l'effetto finale è bello..di sicuro serve sempre per ogni trattamento una conoscenza preliminare perchè utilizzarlo così dal nulla può essere veramente pericoloso, con le sostanze contenenti zolfo soprattutto, hai fatto benissimo a fare questo post!!..e poi molto utile anche il link che hai messo nel commento, non so perchè ma all'università non mi hanno mai spiegato bene le schede di sicurezza, anche se servono molto se non si conosce una sostanza, e il sito sembra utile e comodo!!

Alessia ha detto...

Grazie a tutte per aver commentato, spero che questo post sia stato utile.

Arianna, sono contenta che tu abbia iniziato a vedere il film, secondo me è un bellissimo lavoro!

Helena, avevo letto con attenzione anche il tuo post dopo il tuo commento sul blog di Val, è stato un ulteriore elemento che mi ha fatto pensare di fare una ricerca su questo argomento.
Quante cose non ci hanno detto all'università??? Si perde il conto! Che bello che io, un'umanista a tutto tondo abbia aiutato una "scientifica" come te!! Non ci posso credere... grazie mille per il commento!

chezbobo bijoux ha detto...

Argh.....con un bimbo piccolo in casa evito qualsiasi sostanza chimica...e il link sulle uova non mi si apre.....heeeelp!!!!!!!!
Ciao Alessia!!!

cata ha detto...

Adoro il tuo blog!
Imparo moltissimo sempre.
GRazie per condividere codesti link.
Cata.

Ladoratrice ha detto...

Wow. Ti leggo da un po' grazie a Stima... Poi oggi trovo per caso questo vecchio vecchio post, linkato insieme a uno mio in un forum e scopro questa cosa delle uova. Io uso il fegato di zolfo per anticare le foglie d'argento ed è molto imprevedibile, oltre a virare su un giallo che non mi piace granché... L'altro prodotto che uso non ho mai saputo che cosa sia... Entrambi comunque credo che siano molto inquinanti e soprattutto da usare con mascherina e guanti. Figurati darli alle piante!!!
Sìsìsì, proverò l'effetto "ovosodo" prima possibile.
Grazie!

basilisco ha detto...

Ciao ^_^
finalmente ho provato questo zolfo....
Sul rame l'effetto è praticamente immediatoma....sull'ottone non ha fatto nulla.....
Cara Alessia, tu sull'ottone lo hai provato? cosa devo fare?

Alessia ha detto...

Sull'ottone il fegato di zolfo non ha quasi effetto! prova coi fumi di ammoniaca, ma anche col calore si ottengono dei risultati interessanti :)

Anonimo ha detto...

Ciao Alessia, non ho finito di leggere tutti i commenti per sapere se ti sei ricreduta sul fatto che il liver of sulfur sia tossico per l ambiente.
in realtá non lo è.
in giardinaggio si usa come antimicotico e per proteggere le piante da insetti vari.
è tossico per le vie respiratorie. ma una volta raffreddata la soluzione, quando comincia a divenatre bianca e si stacca dalle pareti si che si puo versare amorevolmente suoi fiori.

Non amo particolarmente i prodotti chimici pero nemmeno la fame nel mondo mi piace... e l'uso delle uova a volte mi fa davvero pensare che il cibo, per quanto possibile, andrebbe usato effettivamente come cibo :)

manuela

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails