lunedì 4 giugno 2012

Beads and Tricks & Fossalonart

(Alla fine eccoci, mi accingo a scrivere questo post pensando che forse sarà difficile esprimere a parole e raccontare questa storia, ma che devo e che voglio farlo. Forse sarà un lungo post, ma spero mi perdonerete e avrete pazienza per leggere fino in fondo)

Ci sono incontri che fai ancora prima di saperlo. Con persone che ancora prima di conoscerle sono un po' dentro di te. Quelle persone che sono in grado di toccare le tue corde più profonde per la loro sensibilità, per il loro modo di vedere, per come sanno esprimersi. E quando le incontri nel mondo reale ti sembra di conoscerle da sempre.
Ricordo bene il giorno in cui ho visto per la prima volta un lavoro di Alberto. Avevo seguito un link, da un suo commento su un altro blog, e non mi vergogno a dire che la curiosità è nata soprattutto perchè in mondo pieno di donne, la voce di un uomo e il suo punto di vista mi sembrava una bella novità. Entrare in FossalonArt, in quel mondo fatto di corda, di conchiglie e di mare, è stato una sorpresa e, allo stesso tempo, un ritrovarsi a casa. Forse perchè amo i materiali "poveri", forse perchè quei materiali mi sono più che cari, li ho nel dna, forse perchè (e lo so che può suonare presuntuoso) penso di saper riconoscere chi mette il cuore e tutto ciò che ha in quello che fa, e lo fa anche con talento. E poi ho scoperto che anche Alberto conosceva il mio lavoro, abbiamo cominciato a scriverci e dopo qualche mese ci siamo incontrati. Ma prima di quell'incontro io (per la prima volta in vita mia, e non avrei mai pensato che capitasse!) ho cominciato a pensare che mi sarebbe piaciuto lavorare insieme, e creare qualcosa che unisse i materiali che amiamo. Con molta sfacciataggine (che non mi è propria, devo ammetterlo) pur sapendo che per lui lavorare solo con quei materiali e solo provenienti dalla spiaggia di Fossalon, era un imperativo categorico, gliel'ho detto. Per sentirmi rispondere che anche a lui sarebbe piaciuto, che voleva propormelo. Quest'avventura è nata così. Molto per caso, e molto per le tortuose strade del destino. Ma perchè in fondo poi l'abbiamo voluta, assecondando i nostri momenti no, aspettando con pazienza per mesi.
Durante il nostro primo incontro Alberto ha trovato sul mio tavolo una spirale di rame, una cosa che avevo fatto un po' giocando, quando mi prende la voglia di provare a fare una cosa che magari non avrà mai un senso compiuto. L'ha tenuta in mano per quasi tutto il tempo e prima che andasse via gli ho detto: "Prendila, vedi un po' cosa puoi farne".

                 Il "lievito madre". Corda, rame, frammento di conchiglia.

Nei mesi seguenti ci siamo scambiati dei pezzetti incompiuti, e li abbiamo finiti, ognuno coi propri materiali e le proprie tecniche, alla cieca, con totale fiducia nel lavoro dell'altro. Questi oggetti hanno preso vita così, e io non riesco a immaginare modo più bello per creare a quattro mani che affidare qualcosa che è parte di te a qualcun altro, certa che diventerà altro, che sarà diverso da come lo hai immaginato, ma che sarà bello.
E quindi eccoci qui oggi, ad un anno dal nostro primo incontro virtuale e molti mesi dopo quell'idea di realizzare qualcosa insieme. Eccoci qui, a portare in giro le nostre cose, finalmente finite, finalmente compiute. Eccomi qui a inseguire come posso la mente vulcanica di Alberto, che ha (ri)cominciato anche a disegnare e a mettere giù idee a raffica. Eccoci qui a risolvere i problemi pratici e tecnici legati al metter insieme due materiali così differenti, io sempre terrorizzata di distruggere le sue opere di corda con uno dei miei ormai famosi movimenti inconsulti.

ciondolo in rame, corda e sabbia
           Fly, work in progress (come si vede dalle mie linde manine). 

Per me la corda ricoperta di sabbia diventa una pietra preziosa da incastonare e un modo per imparare una tecnica nuova. Non so dirvi che privilegio sia lavorare con questi piccoli pezzetti di spiaggia tra le mani. Immaginare e realizzare un oggetto che li contenga e che contenga anche me e quello che so fare. O quello che non so e che devo imparare.

Collana in rame, corda, sabbia e frammenti di conchiglia
                  Fly. Rame, corda, sabbia e frammenti di conchiglie. Pezzo unico (venduto)

Eccoci qui, con l'immensa soddisfazione di vedere che quello abbiamo creato piace molto, che ci fanno mille complimenti. Che qualcuno si innamora proprio di quel pezzo che per te ha un significato così grande, e lo porta a casa.

Collana foglia in rame, corda, frammenti di conchiglia
                  Foglia. Rame, corda, frammenti di conchiglie. Pezzo unico (venduto)

Eccoci qui, e questa è un'altra sfida. Una sfida diversa da quella che singolarmente viviamo nel nostro lavoro. E' la sfida di vedere insieme. Di immaginare insieme. Di fidarsi dove non si riesce a vedere da soli.
E' una gran bella sfida. E ne sono grata alla fortuna, e soprattutto ad Alberto, per il suo talento, per questa opportunità, e per crederci come ci credo io.

FossalonArt:
Blog
Facebook
Artesanum
*************
Se vi va di leggere anche il punto di vista di Alberto, il suo post che parla della nostra collaborazione:
FossalonArt & Beads and Tricks

22 commenti:

Martina ha detto...

wow, che meravigliosa esperienza che state vivendo te e Alberto, e che magie nascono dall'unione delle vostre idee, dei vostri materiali... sembra incredibile come siete riusciti a fondere insieme tutto questo, e a farne qualcosa di unico e superlativo...
più guardo i vostri pezzi a quattro mani e più penso che siate persone magnifiche**!

Valentina ha detto...

credo non ci sia altro da aggiungere... la passione che uno mette in quello che fa parla da sola
^_^

airali ha detto...

La fusione dei vostri materiali, così diversi ma plasmati con lo stesso amore per l'artigianato e per la scoperta, da dei risultati sorprendenti. Complimenti ad entrambi! Spero di vedere ancora tanti gioielli a quattro mani :)

Cecilia ha detto...

Che dire... dalla collaborazione tra due artisti come voi non possono che nascere splendide creazioni!
Complimenti, come sempre
Cecilia

Cristina ha detto...

Penso che il tuo post dica tutto, passione, originalità, idee, colore, state vivendo una bellissima esperienza e quello che riuscite a creare è sorprendente.
Complimenti.
Ciao Cristina.

Lettera pSy ha detto...

E' altrettanto difficile spiegare a parole l'effetto che fa ammirare il risultato della vostra comunione...
Ti basta se ti dico che i miei battiti cardiaci sono aumentati e che ho dovuto trattenere la commozione?

Sappiate - tu ed Alberto - che se mi dovessero diagnosticare la sindrome di Stendhal... vi citerò per danni! ;-D

Bravi. Bravi davvero.
Un abbraccio ad entrambi!

Cristina

Paola ha detto...

Che magia.Esce dalle parole e fonde perfettamente con le immagini.

FascinationStreet ha detto...

Meraviglia alla stato puro! E'molto bello il tuo racconto, siete due persone fantastiche e il vostro sodalizio ha prodotto degli oggetti davvero unici, oltre che un bellissimo esempio di amicizia e condivisione! :)

katia ha detto...

wow..... che magnifiche opere hanno saputo creare due spiriti così affini... e fantastica tu a raccontarle....raccontarti... raccontarvi...

Alberto Ferrari ha detto...

Alessia, poter entrare nel tuo mondo fatto di rame, per me è stato un momento magico… spero davvero di non deludere mai le tue aspettative e di essere sempre all'altezza del tuo stile unico.
Alberto

Alessia ha detto...

Grazie mille a tutte per i commenti, per aver letto questo lungo post con pazienza :)
Le vostre parole come sempre colgono tanto e mi emozionano.

Alberto, lo sai che sono io che decisamente non sono all'altezza, e non mi riferisco solo al fatto che sono un puffo travestito da umana :) Grazie a te.

iaia ha detto...

Credo che sia davvero il caso di dire che la creatività diventa arte con voi due insieme!Splendido connubio quello tra rame e corda....

Caralulù ha detto...

Siete stati davvero bravi a buttarvi in questa avventura sopratutto perchè si intuisce una profonda generosità nei confronti dell'altro...non è facile lasciarsi "invadere" dalla creatività dell'altro se non si nutre un sentimento di fiducia reciproca..bravi davvero (questo post così lungo l'ho divorato) sono felice per voi per questa nuova esperienza. Buon proseguimento! Un abbraccio Lulù

Piera ha detto...

cara Alessia e Alberto con gioia arrivo alla fine del tuo post con un sorriso alle labbra, un ricordo nella mente, e al collo una meraviglia di collana..la vostra! finendo con scriverti una storia, auguro a te e Alberto tante belle novità..un abbraccio forte!!

L’arte è una vera e propria avventura della mente.
L’arte è la capacità di cogliere l’universale nella rappresentazione del particolare.
Picasso sosteneva che un pittore potrebbe essere anche cieco, perché egli rappresenta non tanto quello che vedono i suoi occhi, ma quanto piuttosto quello che anima la sua mente e il suo cuore.

Beta ha detto...

Mi sono emozionata... a bocca aperta e senza parole ammiro le meravigliose opere d'arte che escono dall'unione delle vostre mani!

BipBip ha detto...

un incontro magico!!!!Complimenti a tutti e due!

DANYM ha detto...

UN MATRIMONIO PERFETTO!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Come è bello, anche dall'esterno, vedere realizzarsi una collaborazione tra due menti grandi e generose... A+A siete bravi, sapete?
E ringraziamo anche il web, che mette in contatto persone geograficamente lontane ma vicine nello spirito e negli interessi, questa cosa mi commuove sempre: voi create e noi ci ritroviamo nella vostra sensibilità e nei vostri umori...
Rosa Maria

pandora ha detto...

che bella storia Ale, che belle le vostre creazioni, le foto e...che bella l'atmosfera così come la sintonia.

Alessia ha detto...

Ancora grazie di cuore per ogni parola lasciata qui. Per me, anzi per noi, è veramente fantastico leggervi e capire che si sente quello che mettiamo in questi oggetti, il valore di questa esperienza.
Vi abbraccio tutte!

Anonimo ha detto...

Ciao Alessia, complimenti, tu anche quando scrivi trasmetti le stesse sensazioni di quando crei qualcosa. Leggendoti mi sono immedesimata nella vostra avventura insieme. È bello riuscire a fidarsi di qualcuno è creare insieme un qualcosa che sia più di un semplice oggetto, qualcosa che contenga anche una storia. È come se ogni vostra creazione fosse una fiaba a sé. Io amo le fiabe e amo sognare e quando guardo queste piccole opere d'arte penso alla storia che nascondono. A presto. Manu

Alessia ha detto...

Grazie Manu, che bello ricevere un commento su questo post dopo tanto tempo... E grazie per quello che hai percepito, ci abbiamo sempre provato e continuiamo a provarci, a creare oggetti che abbiano anche una storia, che contengano qualcosa di noi. E proviamo anche a raccontarle con le parole, queste storie, sperando che arrivino a voi che leggete, anche oltre le immagini.
Un abbraccio!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails