giovedì 30 ottobre 2008

Betz White giveaway: ho vinto io!!!

I bellissimi felted bugs di Betz White

Ragazze, ancora non posso crederci! Mai vinto nulla in vita mia ...
Così appena ho ricevuto la mail di Betz che mi diceva "you won!" per un attimo non ci ho creduto! Avevo commentato il post più per un tributo alla sua bravura che con la reale speranza di vincere. Se non conoscete Betz White dovete assolutamente vedere le sue stupende creazioni che oltre alla bellezza hanno il pregio di essere realizzate con materiali riciclati.
Ecco, Betz è una di quelle creative che mi hanno insegnato come da cose usate si possano ricavare dei veri e propri tesori, che oggetti che credevamo finiti possono avere nuova vita, e che vita!
Guardate cosa Betz realizza con vecchi maglioni infeltriti, o con le buste di plastica! Incredibile... quello che normalmente gettiamo nella spazzatura, non è altro che materiale, ci avete mai pensato? sono montagne di materiali che possono dare vita a cose così belle!
Sul suo blog trovate tanti tutorial e in questi giorni (non so per quanto quindi affrettatevi!) una preview dell'ultimo numero di Craft: che ha lei in copertina e un suo progetto bellissimo. Non perdetelo!!

martedì 28 ottobre 2008

Crafting in time of crisis: Blue Moss



Tutte le foto sono tratte dallo shop di Blue Moss

Creare, coltivare i nostri hobbies, sperimentare nuove tecniche o approfondire quelle che già ci sono familiari, in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo. Può sembrare futile, può sembrare superfluo, può sembrare uno spreco... Non lo è per mille motivi. Ci fa stare bene creare con le nostre mani, ci fa sentire capaci e apprezzate, ci apre a volte nuovi orizzonti.
Per alcune è una fonte di guadagno, per altre soltanto un modo di rendersi utili alla propria famiglia: cucire qualcosa che renda più bella la nostra casa, creare un gioiello che ci faccia sentire speciali, tricottare una sciarpa per i figli o i nipoti... Quante cose belle e importanti nascono dalle nostre mani?
Eppure di questi tempi ci sentiamo tutte un po' in colpa a sottrarre risorse per dedicarle a queste creazioni... Io ho fatto di necessità virtù, nel coltivare i miei hobbies cerco il più possibile di non comprare materiali nuovi, ma di riusare e riciclare. A volte è difficile, ma devo dire che il grande mondo della rete è una risorsa davvero preziosa e insostituibile.
Mi sono imbattuta su Etsy nei gioielli di Blue Moss e ne sono rimasta incantata. Non so cosa mi colpisca di più, se il fatto di incorporare pezzi sparsi di altri gioielli dimenticati nei cassetti, un pò anneriti, con qualche pietra mancante... o se mi contagia l'armonia e il fascino retro' che emana da ogni pezzo...
Mi piace l'uso di nastri di velluto insieme a vecchi orologi e a fibbie ricoperte di strass, l'accostamento di catene dalle fogge diverse, qualche poetico fiore qua e la', un bottone, una perla ridipinta: così nascono questi gioielli che mi hanno molto ispirata. E credo possano essere di ispirazione per tutte, perchè forse anche voi come me non avevate mai pensato che si potesse utilizzare una vecchia fibbia in modo così intrigante


o mettere insieme delle spille un po' rovinate, qualche pezzo di catena e trasformare il tutto in una collana da fiaba.



Cercate nei cassetti, dalle nonne e dalle mamme, nei mercatini e nei negozi dell'usato, trovate i vostri tesori e riassemblateli...

*** aggiornamento maggio 2016: link non più funzionante ***

domenica 26 ottobre 2008

Maglia: Grey neck warmer


Della mia nuova passione ovvero la lana, la maglia e tutto ciò che è connesso già vi ho raccontato dandovi anche qualche ideuzza...
La lana riciclata grigio melange che vi avevo mostrato è diventata il mio primo, primissimo lavoro a maglia: uno scalda-collo, o scarflette, che anche se deraglia un pochino dalle originali intenzioni mi soddisfa parecchio! Vorrei abbinare a questa scarflette degli scaldamani, cioè quei guanti senza dita, molto semplici da fare per una principiante come me.
Il modello è lavorato a maglia legaccio e a coste 1/1. Il bottone è vintage e l'asola creata con la tecnica dell'i-cord.

venerdì 24 ottobre 2008

Lost and Found

Il post ritrovato di questa settimana è in omaggio alle mie manine, sante ma fredde! Visto che l'inverno si avvicina, e i primi freddi non tarderanno ad arrivare, vi ripropongo un mio esperimento dell'autunno scorso, guanti scaldamani ricavati da un paio di calze.

giovedì 23 ottobre 2008

Ancora sui bottoni

Devo assolutamente fare ammenda: nel post di ieri ho omesso le bellissime creazioni di un'amica, e per questo le chiedo scusa. Gli anelli di Drina sono veramente molto belli e credo che potrebbero fornire l'ispirazione giusta per utilizzare proprio quel bottone che sta in fondo ad una scatola da sempre e che meriterebbe di riveder le stelle!


Uno degli anelli della collezione LES DIVERTISSMENTS DES JEUNES FILLES PARISIENNES
di Drina


*** aggiornamento maggio 2016: link non più funzionante ***

mercoledì 22 ottobre 2008

Bijoux trends: bottoni

Da quando ho cominciato a creare bijoux mi sono sempre interessata alla ricerca di materiali inconsueti, e se non li uso molto (ancora...) mi piace intanto collezionarli e farmi ispirare. Da un po' di tempo ho notato in giro questa crescente passione per i bottoni, preferibilmente vintage e particolari, utilizzati come componenti per bijoux, e devo dire che mi piace molto.
Innanzi tutto perchè (ormai lo sapete!) amo riutilizzare il più possibile, poi perché amo gli oggetti che hanno una storia, che parlano di altre persone e altri tempi, e anche perché gli oggetti che mi intrigano non sono banali, ma hanno un'anima che nasce anche dalla ricerca di nuove forme per vecchi materiali.
I bottoni sono versatili perché possono essere di mille forme diverse, di materiali preziosi o poveri, decoratissimi o semplici, e di un'infinita gamma di colori.


E come potete vedere dalle foto i bottoni si prestano ad essere interpretati secondo gli stili più in voga del momento, dal minimal contemporary style, che cerca forme pulite ed essenziali, al vintage style che unisce elementi vecchi e nuovi in un insieme spesso sorprendente di kitsch e chic.
Altri esempi:
~ Giulia li usa in catene insieme al rame ottenendo bellissimi orecchini chandelier che sembrano usciti da un film in costume oppure incollati insieme a madreperla diventano i suoi Multipop Rings.
~ Alte torri di bottoni svettano imperiose dagli anelli bizzarri di Lorimarsha.

{Photo credits: Callooh Callay; Iomiss; sophiehillartist}

lunedì 20 ottobre 2008

Candy DIY da Roberta!


I kit di Roberta

Per festeggiare il 100° post la bravissima Roberta (conoscete le scarpine di Sveva?) ha deciso di proporre un candy, ma nel suo stile. Anzichè regalare qualcosa di già fatto ha proposto due kit per realizzare delle bellissime decorazioni in feltro, per incoraggiare noi tutte a fare qualcosa con le nostre mani e a cimentarci magari in qualcosa di nuovo. I kit sono veramente belli perciò provate anche voi lasciando un commento sul blog di Roberta. Sarà comunque un'occasione per conoscere una creativa veramente in gamba, per farvi ispirare dalle sue realizzazioni, per cominciare magari qualcosa di nuovo grazie ai suoi tutorial...

domenica 19 ottobre 2008

Cake pincushion


Per la serie la creatività non ama i confini, e gli stimoli sono così tanti che si fa fatica anche a tenerli a mente, eccovi un'altra creaturina, soffice e dall'aspetto appetitoso...
Il puntaspilli più carino in circolazione ha anche un'anima green!! Il suo piccolo segreto è infatti un comune tappo di plastica (quello delle bottiglie d'acqua per intenderci). Il resto è solo un lavoretto semplice e gratificante, anche per una negata del ricamo come me. Ideale se volete cominciare a cimentarvi, un'idea regalo o swap deliziosa.
Il tutorial con belle foto e spiegazioni very easy lo trovate qui. Divertitevi a creare una serie di questi pasticcini!

venerdì 17 ottobre 2008

Lost and found


Questa settimana penso a tutti i perfezionisti e le perfezioniste come me, che non si accontentano mai dei risultati ottenuti, e cercano di migliorare se stessi e le loro tecniche. Se le vostre foto non vi soddisfano provate a leggere questi post, troverete degli spunti e dei tutorial per foto più belle, che rendano finalmente giustizia alle vostre creazioni.

~ Fotografare i bijoux 2
~ Fotografare i bijoux/4
~ Fotografare i bijoux/5

giovedì 16 ottobre 2008

Swarovski: All That Sparkles Mag


Nel caso di Swarovski direi che è proprio vero che tutto ciò che luccica è oro...
Vi avevo già segnalato il loro sito DIY, ma con molto glamour of course!, in questo post. Una novità da scaricare è All That Sparkles, una vera e propria rivista che potrete stampare e consultare. Nella nota introduttiva si legge:
{creare il proprio stile personale è diventato parte integrante del concetto di lusso di oggi, parte di un trend globale che è una fusione culturale di vintage, couture e street-style}
Anche se il brand non mi sembra aver molto a che fare con lo street-style, ma piuttosto con l'haute couture, mi trovo abbastanza d'accordo con il concetto di personalizzazione. In ogni caso la rivista ha ben 29 pagine, piene di idee scintillanti, con ben 7 progetti che inglobano tecniche molto diverse e che possono essere di ispirazione per tutte. Mi è piaciuta particolarmente l'idea di sottolineare ogni articolo con delle parole chiave disposte in stile Wordle.

Quest'idea non è solo bella, è anche green! La base
di tutto è una semplice rondella da ferramenta.


Trovate anche due cose molto utili: un articolo dedicato agli attrezzi per creare i vostri gioielli, e tutte le colour charts Swarovski.

mercoledì 15 ottobre 2008

Riporre o mostrare i bijoux?

Ecco un dubbio amletico!! Riporre la nostra bigiotteria in belle scatole chiuse, in cassetti ben organizzati o mostrarli su busti antichi o in cornice?
A favore del riporre c'è certamente il preservare i bijoux dall'annerimento, quasi certo se il contatto con l'aria è prolungato. A favore del mostrare c'è più di un motivo: può essere una bella idea décor e può mettere in risalto i nostri pezzi più belli. E i motivi non possono che aumentare se leggete questo interessante articolo da Martha Stewart... con le istruzioni per realizzare la cornice porta-bijoux. Enjoy!


Foto dal sito Martha Stewart.com

{In questi ultimi giorni sono stata impegnata a modificare il blog, per renderlo sempre più bello, interessante e usabile ad un anno esatto dalla sua creazione. Spero che vi piaccia e se qualche link non funzionasse segnalatemelo, i lavori sono ancora in corso!!}

*** aggiornamento maggio 2016: link non più funzionante ***

sabato 11 ottobre 2008

Lana riciclata: una nuova passione

E già... ho più idee che tempo per realizzarle! Mi sto appassionando alla maglia e siccome sono ancora alle prime armi, prima di buttarmi in un progetto mi sto "allenando" e facendo scorta di materiali. E qui cominciano le dolenti note! Perché se dovessi seguire ogni mia passione creativa mi servirebbe un patrimonio... come sempre, e come mi piace fare anche per motivi etici e non soltanto di portafoglio, ho cercato di procurarmi un po' di lana riciclandola da vecchi maglioni. In rete si trovano ottimi tutorial che insegnano come fare e devo dire che è soltanto un lavoro un po' lungo, ma molto semplice. Et voilà! Quasi 600 g. di calda pura lana vergine lana 100% grigio melange gentilmente offerta da un maglione in disuso.
E poi la cosa di cui vado orgogliosa: i ferri!! Mi sono detta: ma non potrei farmeli io? Siii! Bastano dei bastoncini di legno di faggio (si trovano nei brico in vari diametri e lunghezze, i miei misurano 1 mt.), un temperamatite, carta vetrata, cera per mobili e dei vecchi bottoni... Troppa soddisfazione poter fare da soli! e la spesa è stata soltanto di 1,30€ per un totale di due paia di ferri (6 e 8 mm.) più due ferri ausiliari a doppia punta che ho realizzato con gli scarti.
Il mio "corredo" si è arricchito con una bella collezione di ferri che ho comprato la scorsa settimana in un mercatino dell'usato e adesso direi che sono pronta per il mio primo vero lavoro!
Eccovi un po' di tutorial se volete saperne di più:
~ Tutorial sulla lana riciclata ~
~ Tutorial sui ferri fai da te ~
~ Ancora ferri ~
~ Come avvolgere un gomitolo perfetto ~

*** aggiornamento maggio 2016: links non più funzionanti ***

venerdì 10 ottobre 2008

Lost and Found

Questa settimana ripropongo un argomento che sembra interessare moltissimo: i braccialetti dell'amicizia. Questo post evoca nostalgicamente tempi passati e propone un tutorial per la versione classica dei braccialetti dell'amicizia. Qui potrete trovare un'idea alternativa... Enjoy!

giovedì 9 ottobre 2008

Bracciale vintage style



Un nuovo bracciale realizzato con catena vintage, nastrino in suede, perla e strass vintage. La chiusura è a T.


martedì 7 ottobre 2008

Trends per l'autunno inverno '08/'09

Stanche delle solite passerelle e delle solite sfilate? Stanche di vedere il perbenismo di certe firme e la finta trasgressione di altre? Cercate qualche immagine diversa da fissare sulla retina, da cui trarre ispirazione, perché siete convinte che la moda "vera" è quella che viene dalla strada? Allora non potete perdervi i trend della CIFF (Copenhagen International Fashion Fair). In quattro bellissime schede troverete riuniti disegni, foto, trend colore e anche qualche nota.

On the move: le influenze della cultura di strada, la grafica e il colore come decorazione e un mix di tessuti sportivi e sofisticati.


Dark fiction
: un tributo a materiali e colori protettivi, un universo un po' dark, tessuti e materiali organici e sintetici.


Soft tech
: la tecnologia dolce, la moderna nostalgia in bilico fra passato e futuro, materiali sostenibili in forme eleganti e senza tempo.


Kitch mix
: costruisci il tuo stile superando tabù e limiti, usa forme, materiali e colori in un contesto nuovo, usa la tua immaginazione...

lunedì 6 ottobre 2008

Ispirazione d'autunno


Non sono una grande fan delle firme, preferisco di gran lunga oggetti fatti a mano, artigianali o riciclati.
L'indie design rimane il faro della mia ispirazione ma ogni tanto fa bene guardarsi in giro, per scoprire magari che anche i cosiddetti grandi possono essere una bella fonte di ispirazione.
Gli oggetti nella foto sono indubbiamente bellissimi, ma la cosa che me li rende più vicini e me li fa apprezzare ancora di più è la semplicità della costruzione pur nella complessità delle forme e nella ricercatezza del design. Insomma in molte potremmo provare a ispirarci a questi pezzi e realizzarli non sembra così difficile.

venerdì 3 ottobre 2008

Lost and Found


Per chi li avesse persi il Lost and Found di questa settimana ripesca due post con lo stesso argomento: i nuovi trend colore per l'autunno 2008.
~Pantone Fashion color report~
~Texworld color trends~

giovedì 2 ottobre 2008

Grazie Giulia!

Devo ammetterlo: ieri è stata una bellissima giornata ed è stata la mia amica Giulia a renderla speciale.
La conoscerete in tante, è un architetto e una designer geniale. Le sue creazioni sono veramente speciali, perchè lei è in grado di unire seta a bottoni, rame a cristalli e perle, nappine colorate e madreperla e di far sembrare tutto come se fosse nato proprio per stare lì, in quella esplosione di colori, in quell'insieme armonico di forme.
Giulia è stata la prima ad incoraggiarmi quando mi sono buttata in quest'avventura del blog, la sua mail mi ha dato una grande spinta a continuare su questa strada, e ieri sul suo blog mi ha dedicato un post che dire lusinghiero è dir poco!!
Ecco Giulia, volevo dirti grazie di cuore pubblicamente, perchè sei una persona generosa e questa è la virtù delle persone che veramente valgono.


I Giulielli di Giulia Boccafogli

mercoledì 1 ottobre 2008

La fantastica “unwearable art” di Alexander Calder

Tutte le foto sono proprietà della Fondazione Calder

In questi ultimi tempi la moda del go green impazza. Sarebbe bello che non fosse soltanto la moda del momento, ma un vero movimento di coscienza, che ci portasse tutti a ripensare le nostre scelte quotidiane a favore di quelle più verdi.
Sono molto affascinata dagli oggetti riciclati, riportati a nuova vita, magari ad usi differenti da quelli originari. E mi da’ gioia l’idea di utilizzare materiali riciclati, in qualche modo poveri, per creare gioielli.



Un grande artista americano, innovatore geniale, cominciò ad usare materiali poveri già da bambino, realizzando gioielli per le bambole della sorella con il filo del telefono. Alexander Calder, famosissimo per le sue sculture mobili (chiamate da Marcel Duchamp mobiles) e per le sue grandi installazioni (stabiles) realizzò più di 1800 gioielli lungo tutto il corso della sua vita. Oggetti fantastici, nei quali l’aspetto ludico è tanto presente quanto nel resto della sua produzione artistica, che regalava alla moglie, ad amiche come Peggy Guggenheim, alle mogli di amici come Miro, Duchamp, Chagall.



Oggetti tanto inconsueti da meritarsi l’appellativo di “unwearable art”, cioè arte non indossabile. Realizzati in ottone, acciaio, argento e oro, inglobavano spesso materiali di recupero come ciottoli, pezzetti di ceramica, vetro, legno. Il filo usato da Calder non era che normale filo d’ottone, lavorato fino ad assumere la forma di foglia, cerchio o spirale. Senza alcun lavoro di vera e propria gioielleria, Calder diede vita a sogni, oggetti senza tempo, moderni ancora oggi proprio come quando furono realizzati.



La fondazione che porta il suo nome ha organizzato una mostra con oltre 100 pezzi che si trova in questo momento al Philadelphia Museum of Art, e che sarà da Dicembre al Metropolitan Museum of Art di New York.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails